rupofobia-esperienza-personale

La Battaglia quotidiana contro la Rupofobia: una Vita dominata dalla paura dello sporco

Condividi

Sono Sara, e voglio condividere con voi la mia personale e diretta esperienza con la rupofobia, (la rupofobia fa parte dei disturbi ossessivo compulsivi) la paura patologica dello sporco e la mania ossessiva della pulizia. La mia storia è fatta di sfide quotidiane, momenti di ansia e una lotta costante per cercare di mantenere la mia vita in equilibrio.

La gabbia della Rupofobia: una Realtà Inaspettata

La mia avventura con la rupofobia ha avuto inizio in maniera graduale, quasi insidiosa. Ricordo un giorno in cui, dopo aver toccato un oggetto apparentemente innocuo, ho sperimentato una sensazione di terrore irrazionale. Da quel momento, la mia vita è diventata una continua lotta contro la paura dello sporco.

La routine ossessiva del lavaggio: un’incessante Danza con il Sapone

Il lavaggio delle mani è diventato il fulcro della mia esistenza. Diverso dagli altri, il mio rituale quotidiano non si limita al momento dopo il bagno o prima di mangiare. Ogni tocco, ogni oggetto afferrato, sembra richiedere una pulizia immediata. La mia paura di germi invisibili mi costringe a ripetere incessantemente il rituale del lavaggio, come se solo così potessi liberarmi della minaccia costante.

Il Timore di Toccare: una Barriera tra me e il Mondo Esterno

La paura di toccare e di essere toccata ha creato un divario tra me e gli altri. Partecipare a riunioni di lavoro o eventi sociali è diventato un campo minato di ansie. Il timore costante di contagiarmi con germi immaginari mi ha costretto a evitare contatti fisici, rendendo le relazioni interpersonali un terreno difficile da navigare.

Vita Pubblica sotto assedio: luoghi pubblici, luoghi di terrore

Andare in luoghi pubblici è diventato un’impresa che richiede coraggio. La paura di entrare in contatto con superfici potenzialmente sporche rende ogni uscita un’esperienza al limite dell’insostenibile. Riunioni di lavoro, spettacoli, persino una passeggiata in un parco diventano prove di resistenza contro la rupofobia che si insinua costantemente nella mia mente.

L’Aneddoto della riunione di lavoro: una Prova di Resistenza Mentale

Una delle sfide più grandi si è presentata durante una riunione di lavoro cruciale. Seduta tra colleghi, ogni gesto, ogni documento passato di mano a mano, sembrava un’invocazione al mio disturbo. Ho dovuto lottare contro l’impulso di ritirarmi, di evitare il contatto fisico e di concentrami invece sul contenuto della riunione. È stata un’esperienza che ha testato la mia forza interiore e la determinazione a superare la paura.

La Via verso la Guarigione: uno Sguardo al Futuro

La rupofobia è una lotta quotidiana, ma cerco di non farmi sopraffare. La terapia e il supporto psicologico stanno diventando i miei alleati nella battaglia contro questa paura ingiustificata. Guardo al futuro con la speranza che, con il tempo e la dedizione, possa liberarmi da questa gabbia di ansia e ritrovare la libertà di vivere senza il peso costante della rupofobia.

La mia esperienza personale con la rupofobia è un viaggio complesso e in continua evoluzione. Condividendo la mia storia, spero di aprire una finestra sulla realtà di chi affronta questo disturbo e di incoraggiare una maggiore comprensione e empatia nei confronti di coloro che lottano contro la paura dello sporco e della pulizia.

Fuse

Il dr. Fausto Girone è Psicologo-Psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo-comportamentale e terapeuta EMDR – I e II Liv. – (Eye Movement Desensitization and Reprocessing). E’ socio ordinario S.I.T.C.C. e dell’ Associazione EMDR Italia.
Specializzazione quadriennale in Sessuologia Clinica conseguita presso A.I.S.P.A Milano

©2018 Faustogirone.com - Milano, Viale Gran Sasso, 28 - fausto.girone@gmail.com | tel 334.264.7626 | Web Agency