Demofobia: paura della gente, ansia nei luoghi affollati

Condividi

La demofobia, termine che indica la paura della folla, rappresenta una forma di ansia persistente e ingiustificata legata a situazioni affollate. Chi ne soffre tende ad evitare luoghi come concerti, spettacoli, cinema e riunioni.

Impatto della Paura della Gente

La paura di stare in mezzo alla folla può evolvere in un disturbo da attacchi di panico, influenzando significativamente la qualità della vita. Questo timore può portare a evitare luoghi affollati, con la convinzione che rimanere in tali situazioni potrebbe causare malessere o addirittura impedire di trovare un luogo sicuro.

Gradi di Intensità della Demofobia

La demofobia può manifestarsi con diversi gradi di intensità. Alcune persone evitano completamente luoghi affollati, limitando notevolmente la loro vita sociale. Altri affrontano tali situazioni solo quando è inevitabile, sperimentando comunque disagio e stress intenso.

Collegamenti con Altri Disturbi

Spesso, la demofobia è collegata all’agorafobia, al disturbo di panico e all’ansia generalizzata. Questi disturbi possono causare veri e propri attacchi di panico in situazioni affollate, manifestando sintomi come sensazione imminente di morte, mancanza d’aria e tachicardia.

Implicazioni Sociali e Fobia Sociale

Il timore di affrontare una crisi di panico può portare a una fobia sociale, determinando l’evitamento totale delle interazioni sociali. In questo contesto, la demofobia si trasforma in un disturbo particolarmente invalidante.

Gestione e Trattamento della Demofobia

Affrontare la demofobia richiede un approccio olistico. La terapia cognitivo-comportamentale, con l’utilizzo di tecniche di esposizione graduata agli stimoli temuti, risulta spesso efficace. Inoltre, l’approccio cognitivo-comportamentale può essere affiancato da esercizi di respirazione e rilassamento muscolare.

Ruolo della Psicoterapia e Possibili Approcci

La psicoterapia cognitivo-comportamentale si configura come un mezzo efficace nel trattamento delle fobie e dei disturbi d’ansia. Lo psicoterapeuta esperto guida la persona attraverso esposizioni graduali agli stimoli temuti, sia in immaginazione che nella vita reale. In casi più gravi, è essenziale considerare l’abbinamento della terapia con un trattamento farmacologico, sempre sotto la supervisione di un medico.

Ruolo del Partner e Supporto Necessario

Per coloro che convivono con una persona affetta da demofobia, è fondamentale evitare rimproveri e minimizzazioni. La consapevolezza dell’irrazionalità dei propri comportamenti non elimina la difficoltà di controllarli. Il supporto empatico, senza colpevolizzazioni, è cruciale per favorire il benessere della persona affetta da demofobia.

Conclusioni

In conclusione, la demofobia è un disturbo d’ansia che, se non gestito, può influenzare negativamente la vita quotidiana. Attraverso un approccio terapeutico mirato e il supporto di professionisti, è possibile affrontare e superare questa condizione, riconquistando una vita sociale più appagante.

ansia

Fuse

Il dr. Fausto Girone è Psicologo-Psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo-comportamentale e terapeuta EMDR – I e II Liv. – (Eye Movement Desensitization and Reprocessing). E’ socio ordinario S.I.T.C.C. e dell’ Associazione EMDR Italia.
Specializzazione quadriennale in Sessuologia Clinica conseguita presso A.I.S.P.A Milano

©2018 Faustogirone.com - Milano, Viale Gran Sasso, 28 - fausto.girone@gmail.com | tel 334.264.7626 | Web Agency