La Psicoterapia con EMDR – Studio di Psicoterapia Milano

Emdr

L’EMDR è un approccio terapeutico che facilita la cura di diversi disturbi psicologici e problemi associati sia a eventi traumatici, sia a situazioni comuni ma emotivamente stressanti.

L’EMDR è una tecnica utilizzabile in alcune situazioni specifiche, e in generale all’interno di percorsi psicoterapeutici in grado di aiutare le persone, in modo efficace, a rielaborare ricordi o situazioni traumatiche di diversa gravità e con elevate percentuali di successo.

L’EMDR è nato nella cura della sindrome da stress traumatico, nel tempo, la ricerca scientifica ha però dimostrato l’efficacia dell’EMDR anche nel trattamento di altri disturbi come:

  • attacchi di panico (Goldstein e Feske, 1994; Nadler, 1996)
  • fobie (Kleinknecht, 1993)
  • disturbi da dismorfismo corporeo (Brown, McGoldrick e Buchanan, 1997)
  • ansia da prestazioni sul lavoro (Foster e Lendl, 1996)

Di recente l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto l’EMDR come un trattamento efficace per il trattamento di traumi psicologici, dell’ansia e della depressione.

Molti terapeuti hanno recentemente applicato con successo l’ EMDR anche nel trattamento di altre patologie quali:

  • ansia da prestazione nello sport e nello spettacolo
  • lutto complicato
  • abusi sessuali e/o fisici

In questi e in altri casi, l’utilizzo della tecnica all’interno di un percorso terapeutico, si rileva di grande aiuto ed eleva le possibilità di successo della terapia stessa.

La terapia EMDR affronta i ricordi non elaborati che possono dare origine a sofferenza e disturbi.

Con l’EMDR si favorisce il processo di autoguarigione di cui noi esseri umani disponiamo, favorendo il miglioramento e il completamento dell’esperienza in modo simile a quanto avviene nella fase del sonno in cui si sogna.

In pratica l’EMDR consiste nel desensibilizzare i ricordi disturbanti concordati e individuati con il paziente, per poi eseguire un’attività di elaborazione del ricordo. Il lavoro di rielaborazione si svolge attraverso la “stimolazione bilaterale”, che consiste nel movimento delle dita del terapeuta da seguire con gli occhi.

L’EMDR è molto differente dall’ipnosi, in quanto la persona  ha un ruolo attivo nel processo di rielaborazione di pensieri, emozioni e scenari bloccati e non elaborati.

L’EMDR è molto efficace nel modificare le emozioni e i pensieri connessi ai ricordi di esperienze emotivamente disturbanti e tale cambiamento permette che essi non siano più causa di disagio.

Numerosi studi neurofisiologici hanno evidenziato gli effetti positivi nel post-trattamento EMDR.

Quando si utilizza il metodo EMDR si lavora con i ricordi traumatici e/o stressanti e disturbanti che l’individuo ha vissuto e all’origine delle sue problematiche. La persona è sempre vigile e orientata durante tutte le fasi della stimolazione.

In genere i pazienti notano che in seguito al trattamento con EMDR la loro capacità di ricordare l’evento traumatico o disturbante non viene alterata. Ciò che, a seguito del trattamento, viene modificato è la carica emotiva collegata all’evento.

In pratica le persone seguite con EMDR, notano che ricordano l’evento, ma il ricordo l’evento non è più in sé causa dell’attivazione emotiva tipica delle risposte a eventi traumatici e/o particolarmente stressanti.

Una possibilità è che EMDR aiuti i pazienti ad elaborare l’evento traumatico sia da un punto di vista emotivo che fisiologico.

Articolo a cura dott. Fausto Girone Psicologo Psicoterapeuta Milano